COMUNICAO STAMPA N.81

EUROPA VERDE, A SEGUITO DELLE NOTIZIE APPRESE DALLA STAMPA DELLA DISPOSIZIONE DEGLI ARRESTI DOMICILIARI PER IL SINDACO, l’EX VICESINDACO e IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE RICORDA DI AVER CHIESTO PIU’ VOLTE E INASCOLTATA, UNICA FORZA POLITICA, NEI MESI SCORSI LE DIMISSIONI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE, DEL VICESINDACO FINO AD ARRIVARE A CHIEDERE LE DIMISSIONI DEL SINDACO E L’INTERVENTO DEL PREFETTO PER IL COMMISSARIAMENTO DEL COMUNE DI TERRACINA. OGGI, DOPO QUANTO SUCCESSO IERI, torniamo a chiedere il commissariamento del Comune senza se e senza ma e un percorso senza ostacoli verso nuove elezioni.

#svoltaverdeperterracina

E’ di ieri la grave notizia che sta scuotendo la città a seguito del provvedimento cautelare del Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Latina Dott.ssa Castriota la quale ha disposto diverse misure cautelari nei confronti di imprenditori, pubblici funzionari ed esponenti politici del Comune di Terracina oltreché a provvedimenti interdittivi e di sequestro di un campeggio ed un ristorante insistenti sul litorale di Terracina e di beni sulla zona dell’Arena del Molo. L’indagine è scaturita da una serie di controlli effettuati dalla Guardia Costiera nell’ambito dell’istituzionale attività “Mare Sicuro 2019”. Ai soggetti sono contestati i reati di falso, turbata libertà negli appalti riguardanti l’affidamento in gestione di spiagge e servizi connessi alla balneazione, oltre a frodi, indebite percezioni di erogazioni pubbliche e rivelazioni del segreto d’ufficio.

Leggi tutto

COMUNICATO STAMPA N.80

EUROPA VERDE TERRACINA SULL’ AUMENTO DELLE BOLLETTE DEL GESTORE IDRICO ACQUALATINA SPA E LA QUESTIONE SICCITA’: DUE FACCE DELLA STESSA MEDAGLIA MA NESSUNO, A COMINCIARE DALLA POLITICA PONTINA, LE METTE IN RELAZIONE. LA SITUAZIONE DELLA PROVINCIA DI LATINA, CON UNA DISPERSIONE IDRICA CHE SUPERA DA ANNI IL 70%, UNA RIDUZIONE DELLE PIOGGE DI OLTRE IL 60% E LA SALINIZZAZIONE DELLE ACQUE, E’ GRAVISSIMA, E MERITA IMMEDIATE MISURE DI INTERVENTO SENZA ESCLUDERE LA NOMINA DI UN COMMISSARIO AD HOC, COME SI STA DECIDENDO IN QUESTE ORE ANCHE A LIVELLO NAZIONALE. CHIEDIAMO UNA ORDINANZA SINDACALE ANCHE A TERRACINA.

#svoltaverdeperterracina

Nei giorni scorsi, la maggioranza dei Sindaci (Latina, Castelforte, Fondi, Formia, Gaeta, Minturno, Lenola, Maenza, Priverno, San Felice, SS Cosma e Ventotene) con l’assenza di molti comuni tra cui quello di peso di Aprilia, con pochi contrari (Bassiano, Sezze, Cisterna, Pontinia, Sermoneta, Cori e Amaseno) e qualche pavido astenuto (Terracina, Norma, Sonnino e Campodimele), ha deciso, nella relativa Conferenza, di deliberare sull’aumento della bolletta idrica stabilito nella deliberazione 639/2021 dell’ARERA (Autorità di regolazione per energia reti e ambiente). Un aumento davvero difficile da digerire per famiglie ed imprese alle prese con una pesante crisi economica ed in presenza di una dispersione idrica nell’ATO4 di oltre il 70%, nonostante le motivazioni alla base di questo aumento e relative al rincaro dei costi energetici (5 milioni di euro per il recupero dell’energia elettrica riferita all’anno 2021, alla elevata morosità (oltre 16,7 milioni di euro nel periodo 2016-2021), ai canoni da corrispondere ai Consorzi di Bonifica (13 milioni di euro) e per sentenze favorevoli ai gestori (7,5 milioni di euro per nuove regole fissate dall’Autorità con la deliberazione n.639/2021) per un totale di costi aggiuntivi pari a 42,2 milioni di euro.

Leggi tutto